ALIMENTARETutti

La carta alluminio fa male

In qualche recente post abbiamo parlato delle avvertenze legate agli additivi alimentari, in particolare riferimento ai conservanti chimici.
Oggi parliamo sempre di additivi ma ci spostiamo sui materiali che conservano gli alimenti.

Ovvero la famosa nonché utilizzata Carta di Alluminio o Carta Stagnola.

Sicuramente ti sarà capitato di utilizzarla in cucina, per esempio per coprire cibi, come lasagne, tartine su un vassoio di metallo, Panini per un pranzo al sacco o addirittura per cucinare il famoso “Pesce al cartoccio” o “verdure al cartoccio”

Ecco se hai fatto questo probabilmente non hai mai letto le avvertenze dietro che ti invito ad osservare nella foto sottostante.

Come hai appena letto nelle precauzioni la carta Stagnola non è idonea a coprire e/o conservare cibi a acidi come il pomodoro (anche se le lasagne spesso le conserviamo così, o il limone stesso una volta tagliato ), o cibi umidi ( il panino che mi porto per la pausa pranzo ) o cibi salati ( come la pizza avanzata ).
Eppure dando per scontato queste nozioni non diamo la giusta attenzione a queste avvertenze che hanno come obiettivo principale quello di evitare il più possibile la migrazione dell’alluminio considerato tossico per l’essere umano.

La migrazione del metallo è facilitata quando lo mettiamo a contatto con questi tipi di alimenti che le avvertenze appunto ci indicano di evitare.

Queste Avvertenze sono obbligatorie per legge secondo il Decreto n°76 del 18 aprile 2007 pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n°141 del 20 giugno 2007 che pone attenzione anche sulle temperature di conservazione quando si utilizza la carta stagnola ma ciò nonostante esse siano obbligatorie per legge esse non sono diffuse tra i consumatori e vengano date per scontato.

Eppure intuiamo perfettamente quanto male facciano i metalli all’interno del nostro organismo.

In conclusione per non allarmarti, la carta di alluminio non è pericolosa, se però usata secondo le avvertenze e le precauzioni che ci indicano, ma per fare ciò bisogna conoscere, sapere.

RICORDA: informarsi è il primo passo per proteggersi.

Cryotek Eng infatti si è distinta in questi anni per la partecipazione attiva su tavoli tecnici, org internazionali per la salute e alto livello tecnico nella ricerca e realizzazione di apparecchiature per l’utilizzo di una diversa tecnologia di conservazione. Ovvero La TECNOLOGIA MAP.

Ne hai mai sentito parlare?
Allora rimani sintonizzato sui nostri canali FACEBOOK e LINKEDIN per leggere il prossimo articolo riguardante la conservazione degli alimenti in atmosfera protettiva modificata.

Note dell’autore:

Per maggiori approfondimenti sulla presenza dei metalli nel ns organismo e degli effetti vi rimandiamo a siti specializzati a riguardo. Quanto sopra descritto non vuole sostituirsi a una ricerca scientifica, ma è solo a puro titolo informativo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *